Blog‎ > ‎

Il sindaco, il cartello "pro LGBTQ" e il rapportarsi alle diversità

pubblicato 9 giu 2022, 22:21 da Uaar Pordenone   [ aggiornato in data 9 giu 2022, 22:23 ]
Apprendiamo, tramite il profilo Facebook del nostro Sindaco, che alla scuola media "Lozer" di Pordenone sono stati appesi due cartelli arcobaleno, uno riportante la scritta "Peace", l'altro riportante la scritta "Pro LGBTQ" e, con rammarico, apprendiamo altresì la sua reazione molto dura nei confronti di questa iniziativa ad opera di sconosciuti. Sebbene ci risulti difficile credere che esprimere un desiderio di pace e inclusività possa diventare fonte di polemica, è questo ciò a cui stiamo assistendo.

Da "Il Gazzettino"
In particolare, il Sindaco si è scagliato contro la scritta "Pro LGBT": «Non mi verrebbe mai in mente di disegnare una bandiera ucraina e arricchirla con 'pace' e 'etero'», scrive. Ricordiamo al nostro Sindaco che le persone etero sono ovunque, da sempre — su di loro «abbiamo vagonate di trasmissioni trasmissioni televisive, di eventi teatrali, di film», per citare le sue stesse parole — quindi non hanno bisogno di vedersi riconoscere la stessa dignità delle persone LGBTQ+ o lottare contro pregiudizi sulla propria sessualità.

Il Sindaco continua: «Sul tema dell'omofobia stiamo nettamente esagerando». Leggendo queste parole ci chiediamo: se un semplice cartello può portare a una reazione così dura, cosa dovrebbero dire le vittime di omofobia quando vengono bullizzate? O quando sentono o leggono parole di sdegno al solo sentirsi nominare?

Il Sindaco tiene a precisare che «se queste [indicazioni educative dei genitori ai propri figli] sono lgbtq, non vanno garantite anche quelle di chi la pensa diversamente?». Al riguardo, è bene sottolineare che la sessualità non è frutto di opinioni né di educazione impartita dall'esterno (etero e omosessuale che sia). Un genitore può avere un'opinione sulla sessualità, ma questa non modifica quella dei propri figli, in nessun caso. Quello che si può modificare è il nostro modo di rapportarci agli altri e alle innumerevoli diversità che compongono il genere umano, ma possiamo farlo solo conoscendole e confrontandoci con esse, e questo fin da ragazzi.

Anna Piva
Vice-coordinatrice del Circolo Uaar di Pordenone