Ricordiamo Margherita

Comunicato stampa
27 giugno 2018

«RICORDIAMO MARGHERITA»
IL CIRCOLO UAAR DI PORDENONE COMMEMORA L'ASTROFISICA MARGHERITA HACK DECEDUTA CINQUE ANNI FA

Il 29 giugno di cinque anni fa ci lasciava Margherita Hack, astrofisica di fama internazionale e divulgatrice scientifica, che è stata presidente onoraria dell'Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti. Per commemorarla, il Circolo di Pordenone dell'associazione organizza per venerdì 29 giugno, alle 20.45, presso la propria sede, un incontro dedicato alla visione di alcune videoregistrazioni in cui la Hack racconta delle sue esperienze di atea e di scienziata. L'appuntamento è in via Montello 22 a Pordenone.

«Approfitteremo di questa l'occasione  ricorda Loris Tissino, coordinatore del Circolo  anche per fare il punto su come ci si può attivare nel nostro territorio per promuovere percorsi di promozione della cultura scientifica, a partire dalla riproposizione di una serie di "conversazioni a ragion veduta" e dal Darwin Day del 2019.»

Per introdurre alla serata, il Circolo degli atei ha pubblicato nei canali social, in queste ultime settimane, alcune frasi della scienziata relative agli interrogativi scientifici ancora aperti, all'etica e alla non esistenza di un aldilà:
  • «Ci sono ancora tanti, tanti interrogativi, tanti problemi che la scienza non spiega, ma ricorrere a un dio per spiegare questo non è, per me, soddisfacente.»
  • «Spesso ci si sente domandare "ma qual è l'etica di un ateo?", "l'ateo ha un'etica?" Certamente che l'ateo ha un'etica, che può riassumersi nel fatto di non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te.»
  • «Non ci aspettiamo ricompense nell'aldilà o punizioni nell'aldilà. Non crediamo nell'aldilà, ma uno agisce secondo la propria coscienza nel rispetto di tutti gli altri. Questo vuol dire essere atei.»
Per ulteriori informazioni:

Pagina web dedicata alla commemorazione di Margherita Hack:
http://pordenone.uaar.it/iniziative-ed-eventi/ricordiamo-margherita

Eventi organizzati in passato dal Circolo di Pordenone dell'Uaar: