Digital Archaeology

Digital Archaeology

La rivoluzione digitale nella disciplina archeologica


Venerdì 14 febbraio, mattino

Incontro con Luca Bezzi (Arc Team), rivolto agli studenti del secondo biennio e dell'ultimo anno delle scuole superiori

Sin dagli anni '70 l'archeologia è stata supportata dalle tecnologie informatiche, creando di fatto una nuova disciplina, la cosiddetta archeologia computazionale, impostata soprattutto sull'analisi statistica e sui primi rudimentali studi spaziali. Naturale evoluzione di queste ricerche pionieristiche è quella che ad oggi è definita più correttamente archeologia digitale. Questa nuova branca ha vissuto un fortissimo sviluppo negli ultimi venti anni, grazie anche al boom informatico e, se da una aperte ha aperto prospettive completamente nuove (come l'archeologia virtuale), dall'altra è rimasta solidamente ancorata ad un approccio spaziale e geografico, grazie soprattutto alla categoria dei software GIS (Geographic Information System) e a potenti strumenti di rilievo sul campo, tra cui il GPS differenziale e la stazione totale. La presentazione, dopo una breve introduzione all'archeologia digitale, affronterà dunque la tematica del rilievo archeologico, dall'acquisizione dei dati sul campo, alla loro elaborazione, fino alla loro pubblicazione.

Luca Bezzi, archeologo, è uno dei fondatori di Arc-Team srl, società che opera nel campo della ricerca archeologica e della valorizzazione dei beni culturali. Nell'ambito della stessa, si occupa principalmente di archeologia digitale, subacquea e glaciale, nonché di speleoarcheologia e lavori in alta quota.


Aggiornamento post-evento
Un momento dell'intervento di Luca Bezzi con gli studenti di topografia dell'Istituto Mattiussi - Pertini.